Pensieri Naturalistici

”La natura non fa nulla di inutile.” Aristotele (384-322 a.C.), filosofo greco.

Storia dell'Oasi e Habitat Naturale

L'Oasi LIPU gravina di Laterza nasce nel giugno 1999, grazie ad un accordo di collaborazione sottoscritto dalla Provincia di Taranto, dal Comune di Laterza e dalla LIPU, per tutelare e  valorizzare per scopi didattici ed educativi, lo straordinario patrimonio naturale presente nel territorio dell'Oasi.L'Oasi LIPU  gravina di Laterza è inclusa nel Parco Regionale Terra delle Gravine, in un'area di particolare valore naturalistico, riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente come Zona a Protezione Speciale (ZPS) e pSIC (Sito di importanza Comunitaria).

E' inoltre inserita nell'elenco internazionale dei siti I.B.A.(Important Bird Area) dall'Organizzazione internazionale Birdlife International.

Le gravine sono gole rocciose con profilo a "V" o con pareti subverticali e fondo piatto, incise su formazioni calcaree di età cretacea e in calcareniti di età plio-pleistocenica. La loro origine è dovuta all'erosione operata dalle acque superficiali, la cui canalizzazione è stata favorita da sistemi di fratture o discontinuità presenti nelle rocce calcaree.

La gravina di Laterza è la più imponente delle circa  sessanta incisioni che costituiscono nel loro insieme il sistema denominato Arco jonico delle gravine. Con i suoi 12 km di lunghezza e con pareti che raggiungono i 200 metri, la gravina di Laterza assume l'aspetto di un vero e proprio canyon.

L'Oasi, estesa per 800 ettari comprende  diverse tipologie di habitat e  specie animali e vegetali  di interesse comunitario.

Tra gli habitat ritenuti prioritari per la conservazione, ai sensi della direttiva  Habitat 92/43/CEE è presente la pseudosteppa  con vegetazione a graminacee. Tra gli habitat di interesse comunitario sono presenti: pareti calcaree con vegetazione casmofitica, pinete mesogene endemiche, querceti di Quercus trojana, foreste di Quercus ilex, vegetazione di Euphorbia dendroides.

 Tra le specie animali prioritarie per la conservazione incluse nella direttiva 79/409 e 92/43/CEE sono presenti e nidificanti: il Lanario (Falco biarmicus) e il Grillaio (Falco naumanni).

Molte sono le  le specie di interesse comunitario  presenti nel territorio dell'Oasi, tra cui ricordiamo:

la testuggine comune (Testudo hermanni), il Cervone (Elaphe quatuorlineata), il Colubro leopardino (Zamenis situlus). 

Tra gli uccelli: il Gufo reale (Bubo bubo), il Biancone (Circaetus gallicus), il Nibbio Bruno (Milvus migrans), il Capovaccaio (Neophron percnopterus), la Monachella (Oenanthe hispanica) e molti altri.

Tra i mammiferi: l'istrice (Istryx cristata), il Tasso (Meles  meles).

Numerose e di particolare interesse le specie di elevato valore fitogeografico: Asyneuma limonifolium, Euphorbia dendroides, Iris collina, Phlomis fruticosa, Quercus troiana, Scrophularia lucida, Linum tommasinii, etc.              

 

                                                                                                                    

                                                                              LIPU                          Provincia di Taranto              Comune di Laterza

 

                                                                                                             

                                                                                                 LIPU è Partner per l'Italia di BirdLife International

 

 

Oasi LIPU Gravina di Laterza  - Via Selva San Vito - 74014 - Laterza (TA) - +39 339 33 11 947 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.